Vai ai contenuti

Archivio

Archivio per maggio 1995

Intervista a Bartoli & Domestici – di Luca Galoppo e Lucio Leoni

Cardo il Cacciatore – Fumetto di Lucio Leoni – Emanuela Negrin

Opera e Fumetti: il sogno di P. Craig Russell – di Luca Galoppo

Brooklin Dreams – J.M. De Matteis incontra Neil Simon – di Luca Galoppo

Trixio – Fumetto di Ruvo Giovacca & Paolo Telloli

Ken Parker, the Beautiful Loner – di Roberto Anghinoni

Lamberto in: “Cura Alternativa” – Fumetto di Giovanni Ghioni

Nicola del Principe – di Paolo Telloli

Quando nel lontano 1977 uscì il primo numero di Ken Parker, il mondo dei comics si arricchì di un nuovo, affascinante protagonista. Allora, sceneggiatore di belle speranze e di altrettanto bei sogni, ero rimasto colpito dalla semplicità e dalla bellezza delle storie, dai tratti che caratterizzavano un personaggio che ci somigliava troppo per non avere successo.

Accanto alle gasanti e strafottenti imprese di Tex, alle gesta soft del Comandante Mark eternamente impegnato contro gli Inglesi come era stato Blek prima di lui, Ken Parker usciva dalla sceneggiatura dell’eroe per immergersi in quel filone di avventura tanto caro alla splendida Storia del West.

Quando nel Marzo 1994 Arthur King si fece strada nel mondo super affollato del fumetto, ben pochi avrebbero scommesso su di lui (nemmeno noi, “mea culpa, mea culpa”). La scelta del formato, la mezza tinta, l’ambientazione della serie erano assolutamente uniche. Venne quindi istintivo chiedersi chi fossero i folli dietro un simile progetto. Bartoli e Domestici erano i nomi che giravano per il fandom fumettistico e una certa paura cominciava a serpeggiare tra gli addetti ai lavori: possibile che quei due riescano a sfondare con un simile prodotto?