Vai ai contenuti

Archivio

Archivio per ottobre 2008

Divertente, brillante, grottesco – di Paolo Telloli

Dario Perruca – intervista di Paolo Telloli
Attilio Ortolani – intervista di Paolo Telloli
Grazia Nidasio – intervista di Paolo Telloli
Omar Pistolato – intervista di Ruvo Giovacca

Alan Ford – di Francesco Foti
No Name – di Alberto Cassani
The Mask – di Francesco Foti
Necron – di Ruvo Giovacca
Sturmtruppen – di Antonio Rubinetti

“I superossi” – fumetto di Alfredo Rossi & Attilio Ortolani

Raul Buzzelli – di Luigi Marcianò e Luca Boschi
Mirka Martini – di Paolo Peruzzo
Bill Meléndez – di Alberto Cassani
Rodolfo Valcarenghi – di Romano Felmang

C’era un tempo in cui i manga non dominavano il mondo, un tempo in cui i supereroi regnavano incontrastati e uno sparuto gruppetto di fumetti italiani si ritagliava il suo spazio e conviveva tranquillamente con gli altri. Poi, d’improvviso, tutto cambiò e il mondo del fumetto in Italia non fu più lo stesso. No Name non ha niente a che fare con questa rivoluzione.

Nato il 4 novembre del 1969 e morto il 15 febbraio 1997, Masakatsu Noname è un aspirante supereroe giapponese che a seguito di una dose spropositata di radiazioni diventa più grasso di un lottatore di sumo grasso, ma in compenso non ottiene neanche uno straccio di superpotere.

Per il pubblico italiano non era esattamente uno dei nomi più noti del mondo dell’animazione, ma il lavoro di Bill Meléndez è stato sempre di grandissima qualità e importanza. Non solo dal punto di vista artistico. Morto per cause naturali all’età di 91 anni lo scorso 2 settembre, nella sua lunga carriera Meléndez ha lavorato su alcuni dei personaggi animati più importanti di sempre.

Nato in Messico il 15 novembre 1916, ha studiato al California Institute of Arts e nel 1938 è entrato alla Walt Disney per lavorare come animatore in molti cortometraggi di Topolino e Paperino e in lungometraggi come Pinocchio, Fantasia e Bambi.