Vai ai contenuti

Archivio

Tag: Numero 29

Piccole grandi paure – di Paolo Telloli

Intervista a Giorgio Montorio – di Paolo Telloli
Intervista a Sergio Tuis – di Paolo Telloli e Ruvo Giovacca
Intervista a Giovanni Cianti – di Paolo Telloli
Intervista a Michele Gazzarri – di Paolo Telloli
Intervista ad Enrico Rallo – di Paolo Telloli e Ruvo Giovacca

I classici dell’horror: dal cinema al fumetto – di Gianpaolo Saccomano
Dracula: un vampiro per tutte le stagioni – di Francesco Foti
Un mostro di nome Wallestein – di Ruvo Giovacca

Wallestein in: “La nascita di un mostro” – Fumetto di Ruvo Giovacca & Marco Polo e Tino Adamo

L’horror made in USA – di Francesco Foti
Splatter di Mostri – di Francesco Foti

Pier Carpi – di Gianpaolo Saccomano
Oreste del Buono – di Ferruccio Alessandri

L’ottimistica previsione di Pier Carpi sulla galanteria del tempo e sulla futura riconsiderazione dell’ultimo suo sofferto romanzo, per ora non si è avverata e il problematico “Gesù contro Cristo” resta ancora abbandonato nelle soffitte polverose del dimenticatoio librario, colpevole (ma sarebbe meglio dire “in attesa di giudizio”) per quella sua temeraria visione di un Cristo troppo umano, debole e fragile, che ha infastidito non poco l’ambiente ecclesiastico e che gli è costato la fredda accoglienza dell’intellighenzia culturale italiana. Direi, comunque, che, a beneficio di coloro che non hanno ancora avuto modo di valutarne il talento artistico, sarà meglio dare qualche cenno in più sulla sua figura.

Facciamo alcune osservazioni preliminari: secondo alcuni critici (in particolare G. Munier), l’immagine filmica (e in traslato minore anche quella fumettistica) conduce inevitabilmente lo spettatore ad una perdita, o comunque ad una forte riduzione, della facoltà immaginifica se non, addirittura, della capacità di riflettere. Questa affermazione non tiene però conto del fatto che, anche davanti a un’immagine rappresentata (in movimento progressivo come nel cinema, o in movimento statico come nel fumetto), l’uomo finisce col comportarsi né più né meno come se avesse di fronte un’immagine reale.