Vai ai contenuti

Archivio

Tag: Numero 33

Quando Tarzan divenne fumetto – di Paolo Telloli

Intervista a Lino Jeva – di Paolo Telloli
Intervista a Paolo Ongaro – di Paolo Telloli e Ruvo Giovacca
Intervista a Franco Oneta – di Paolo Telloli
Intervista a Renzo Savi – di Ruvo Giovacca

Cinematografico Tarzan – di Francesco Foti
Il mito di Tarzan – di Francesco Foti
Pantera Bionda – di Ruvo Giovacca
Blek e il suo tempo – di Paolo Telloli

Omaggio a Pantera Bionda – fumetto di Ruvo Giovacca, Stefano Scagni e Marco Boselli

Enzo Magni – di Paolo Telloli e Luigi Marcianò
Gian Giacomo Dalmasso – di Gianpaolo Saccomano
Augusto Pedrazza – di Luigi Marcianò
Alberto Salinas – di Paolo Telloli

Il 27 novembre scorso, a seguito di un incidente mentre maneggiava un’arma, è scomparso Alberto Salinas.

Alberto Cesar Salinas era nato a Buenos Aires il primo novembre del 1932, aveva seguito le orme del padre, il celebre disegnatore Josè Louis Salinas, indimenticabile autore di Cisco Kid. Influenzato dal tratto paterno, nel ’52 realizza su testi di Lanús la serie Capiango per il settimanale “Superhombre” e nel 1953 inizia una serie di fumetti di genere storico per la Editorial Columba.

Come spesso succede, le nebbie e le gelate della pianura padana hanno certamente contribuito a che Gian Giacomo Dalmasso, nato a Voghera il 21 luglio 1907, un vero pioniere della sceneggiatura italiana, sviluppasse una notevole propensione per personaggi ed ambientazioni esotiche particolarmente cariche d’azione. La sua stessa gioventù seguì il ritmo dei frequenti trasferimenti del padre, insegnante di lettere, il quale, un po’ per il suo temperamento inquieto, un po’ per avanzamenti di carriera, più volte spostò la residenza della sua famiglia, anche in altre città come Cagliari, Perugia, Catanzaro.

Numerosi eroi dei fumetti si rifanno al modello di Tarzan e molte sono le versioni femminili di questo personaggio. Salvo alcuni casi, le storie di questi personaggi non sono di grande interesse ma, nelle versioni femminili, le forme sexy di queste ragazze invitano il lettore a trascurare la trama. Merita una nota di interesse Pantera Bionda, la prima eroina sexy del fumetto italiano, la prima a puntare sulla propria avvenenza per raggiungere il successo.

Pantera Bionda nasce nel 1948, edita dalla ARC dell’editore Pasquale Giurleo su testi di Giangiacomo Dalmasso con disegni di Ingam, pseudonimo di Enzo Magni. L’origine di Pantera Bionda è sconosciuta, viene allevata da un’anziana donna cinese, Fiore di Loto e ha come amico uno scimpanzé di nome Tao.

Con Tarzan siamo alla presenza di un archetipo del fumetto, di fronte ad un personaggio carico di storia che, partendo da una matrice diversa, quella letteraria, ha saputo evolversi e caratterizzarsi nell’arco dei decenni. Il nostro uomo delle scimmie vede la luce, come si sa, grazie alla penna di Edgar Rice Burroughs, che nel 1912 scrive l’avventura Tarzan of the Apes, Tarzan delle scimmie, secondo libro di quest’autore che, prima di approdare al successo letterario, aveva fatto mille sfortunati lavori ed era arrivato quasi sull’orlo del fallimento avendo, senza fortuna, tentato di metter su un’impresa per la vendita di temperini.